La fucilazione del 30 agosto del ’44.

Gli uomini sui quali scattò la rappresaglia furono prelevati all’alba di mercoledì 30 agosto 1944 dal carcere di San Giovanni in Monte dalla Compagnia Autonoma Speciale del Capitano Renato Tartarotti, e proprio al “Cap. C.A.S.” (Capitano  della Compagnia Autonoma Speciale) risultano affidati i detenuti al rilascio dal carcere nella registrazione effettuata sui fogli matricola d’ uscita.

Il comunicato della fucilazione comparso su “L’Avvenire”, decisamente più sobrio nella formulazione rispetto al “Carlino”.
Il comunicato della fucilazione comparso su “L’Avvenire”, decisamente più sobrio nella formulazione rispetto al “Carlino”.

 

Da lì i dodici uomini furono tradotti al Poligono di tiro, dove fu loro concessa l’assistenza religiosa di Don Luciano Gherardi, che era stato prelevato da Tartarotti a San Lazzaro di Savena, il quale  dette conforto a credenti e non credenti nell’imminenza della loro fine.

Musi Giocondo.Fondo Fotografico ANPI, Istituto Parri, Bologna.
Musi Giocondo.Fondo Fotografico ANPI, Istituto Parri, Bologna.
Bentivogli Renato. Fondo Fotografico ANPI, Istituto Parri, Bologna.
Bentivogli Renato. Fondo Fotografico ANPI, Istituto Parri, Bologna

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Erano dodici antifascisti quasi tutti originari dell’hinterland bolognese: tre soli erano di Bologna : Nanni Luciano, Musi Giocondo, Bracci Luciano ; uno era originario di Ancona, Sordi Renato; mentre Zanasi Cesare e Atti Floriano erano di Bentivoglio, i fratelli Garagnani Arturo  e Celestino di Castello di Serravalle, Schinolfi Alfonso di Monteveglio, inoltre Bentivogli Renato, Pietroboni Agostino, Bussolari Gaetano, persicetani.

All’esecuzione erano presenti Renato Tartarotti, capo della squadra “autonoma”, Pietro Torri, comandante della brigata nera “Vacchini”, mentre il plotone era formato da ragazzi giovanissimi.

Bracci Luciano. Fondo Fotografico ANPI, Istituto Parri, Bologna.
Bracci Luciano. Fondo Fotografico ANPI, Istituto Parri, Bologna.
Atti Floriano. Fondo Fotografico ANPI, Istituto Parri, Bologna.
Atti Floriano. Fondo Fotografico ANPI, Istituto Parri, Bologna.
Chiudi il menu